Cinque volte Perché

Perché la tecnica dei cinque perchè?

La tecnica Lean dei Cinque Perché (detta in inglese tecnica dei 5 Whys) è un metodo molto efficace che ci consente di indagare le relazioni di causa-effetto per un problema ponendosi una semplice domanda e ripeterla almeno cinque volte. Il fine di applicare le cinque domande è quello di determinare le cause profonde (dette root causes) del difetto.

Da dove nasce questa tecnica?

La tecnica fu sviluppata in origine da Sakichi Toyoda e successivamente usata dalla Toyota Motor Corporation durante l’evoluzione delle loro metodologie manifatturiere. Ripetendo 5 volte perché la natura del problema e la soluzione diventa lampante.

Questo strumento ha visto il suo uso diffondersi al di là della Toyota ed ora è anche usato all’interno del Lean Six Sigma, filosofia che va ad aggredire un problema fino alla sua risoluzione, utilizzando diversi strumenti, incluso il metodo dei Cinque Perché.

Come funziona la tecnica dei Cinque Perché?

Tutto inizia con la definizione del problema corrente. Poniti prima la domanda su ciò che ti sta creando difficoltà: cosa ti impedisce di trovare le soluzioni? dopo di ciò, chiediti 5 volte perché: scoprirai che dopo il secondo “perché” il problema che stai analizzando inizierà ad apparire più chiaro. Questo semplice esercizio è di un’efficacia devastante nel far venire al pettine tutti i nodi più difficoltosi. Dopo queste domande inizierai a capire dove devi agire, che cosa ti manca e quali sono i prossimi passi nella tua strategia di carriera.

Facciamo un esempio

L’esempio seguente dimostra come funziona la tecnica dei Cinque Perchè:

  • Problema principale: L’auto non parte.
  1. Perché – La batteria è scarica (primo perché),
  2. Perché – L’alternatore non sta funzionando (secondo perché),
  3. Perché – La cinghia dell’alternatore si è rotta (terzo perché),
  4. Perché – La cinghia dell’alternatore non è mai stata sostituita, sebbene l’auto avesse percorso molti chilometri (quarto perché),
  5. Perché – Non è stata effettuata la manutenzione programmata (quinto perché, la radice del problema).

Potremmo continuare a domandarci ancora il perchè del problema, dato che il metodo non pone limiti al numero di domande da porsi. Il vero elemento chiave è di incoraggiare chi sta analizzando la problematica ad evitare assunti e tranelli logici, ma di concentrarsi sulla catena di causalità fino alla causa originaria. In ogni caso la causa profonda è sempre un processo.

Prima di salutarci mi presento

Sono Francesco Centorrino e questo è il mio blog in cui parlo di WordPress, di indicizzazione SEO, di Tecnologia, di Comunicazione e di Crescita Personale. Se ti piacciono i miei contenuti aggiungimi su Facebook, LinkedIn, Instagram e Twitter. Ho anche una interessantissima Newsletter che ti suggerisco di tenere sott’occhio!

Se ti è piaciuto l’articolo “Cinque volte Perché” ti chiedo di condividerlo sui social network e se ti va lascia un commento di seguito. Se hai trovato utile questo contenuto e se vuoi approfondire questo ed altri aspetti correlati, non esitare a lasciarmi un feedback o a mandarmi un messaggio tramite il modulo contatti.

Fonti

Rispondi

Francesco Centorrino

Realizzo siti web in maniera professionale, con un'attenzione particolare all'assistenza del cliente, alla formazione continua e ad una strategia di Copywriting efficiente, mirata ad una indicizzazione SEO al top.

Cosa offro

Realizzazione siti web

Risoluzione problemi

Assistenza tecnica

Formazione continua

Realizzazione testi

Indicizzazione sui motori di ricerca

Contatti

centorrino.francesco@gmail.com

Bernalda, Basilicata

Follow ME