• Dom. Nov 29th, 2020

I migliori plugin per creare un sito multilingua su WordPress

Difcentorrino

Ott 22, 2020
multilingua wordpress

Sei alla ricerca dei migliori plugin per creare un sito web multilingua su WordPress? Avere un sito in più lingue ti permetterà di espandere il tuo pubblico e quindi anche il tuo business, a livello internazionale.

Se non hai ancora esperienza con l’uso di WordPress, questa è l’occasione giusta per imparare! Scopri i nostri video corsi su WordPress e su come creare un blog.

In questo articolo ti parlerò quindi dei migliori plugin per creare siti multilingua su WordPress, sia gratuiti che premium. Potrai così rendere il tuo sito WordPress disponibile in più lingue e ottimizzarne la visibilità anche sui motori di ricerca esteri.

I 5 migliori plugin per creare un sito multilingua su WordPress

Questi sono i plugin che abbiamo testato e selezionato:

WPML (WordPress Multi Lingual)

Sicuramente WPML è il plugin più conosciuto e apprezzato per creare e gestire siti web multilingua fatti con WordPress.

La sua installazione ti permette di tradurre ogni parte del tuo spazio web: articoli, menu, widget, stringhe di altri plugin come WooCommerce, descrizioni delle immagini, inserire automaticamente l’attributo hreflang e molto altro ancora.

Attraverso un’interfaccia facile da utilizzare, puoi comporre i tuoi contenuti in ogni lingua. Le traduzioni verranno poi inserite nel database in posizioni differenti rispetto al documento in lingua originale, permettendo una migliore organizzazione dello spazio web.

I piani proposti da WPML

Questo strumento, il primo nella lista dei migliori plugin per creare un sito multilingua su WordPress, non è disponibile gratuitamente ma parte da un costo base di 29$. Vediamo nel dettaglio i piani offerti:

  • Multilingual Blog, a 29$ per il primo anno – 21$ per gli anni successivi – ti offre la possibilità di tradurre tutti i contenuti del tuo blog, commenti inclusi, con la funzionalità di poter far rilevare dal browser la lingua del visitatore, impostando quindi la corretta versione di lingua in modo automatico. Può essere utilizzato per un solo sito.
  • Multilingual CMS, a 79$ per il primo – 59$ per gli anni successivi – è il piano più diffuso, che abilita la traduzione di ogni componente del sito, tra cui anche i widget. Permette di gestire direttamente dal back-end di WordPress tutte le funzionalità, tra cui la creazione di un’area specifica per i traduttori. Verrà infatti creato un nuovo ruolo utente, molto utile per gestire il tuo team. Inoltre, con questo piano è possibile decidere l’URL per ogni lingua utilizzata. E’ importante notare che, per tradurre un sito WordPress eCommerce (costruito usando il plugin WooCommerce) è necessario sottoscrivere almeno questo piano. Questo abbonamento è valido per 3 siti web.
  • Multilingual Agency, a 159$ – 119$ per gli anni successivi – è lo stesso pacchetto precedente con licenza per un numero illimitato di siti, utilissimo per agenzie che creano diversi siti multilingue.

WPML è particolarmente consigliato tra i migliori plugin per sito multilingua su WordPress per l’ottima assistenza tecnica fornita, per il livello di compatibilità con altri plugin e molti temi e anche per la possibilità di richiedere una traduzione professionale a pagamento direttamente dalla Bacheca.

Sicuramente un ottimo rapporto qualità/prezzo rendono WPML un componente indispensabile per siti che necessitino di una piattaforma di traduzione professionale ed efficace.

Polylang

Polylang è un plugin gratuito per rendere multilingua un sito WordPress.

Permette quindi di creare contenuto multilingua, in tutti linguaggi che desideri. Permette poi agli utenti di scegliere dai loro profili la lingua in cui rendere visibile il contenuto tramite un comodo widget, o nel menu di navigazione. Supporta linguaggi RTL ed è compatibile con la maggior parte dei temi WordPress.

Ogni utente può anche scegliere di visionare la bacheca nel linguaggio prescelto, e questo strumento può essere integrato con una risorsa a pagamento, Lingotek Translation, una vera e propria estensione di Polylang.

Lingotek permette di integrare una interfaccia di gestione che include memorie di traduzione, e anche traduzioni parzialmente automatizzate, che possono in diversi casi risultare molto utili.

Consiglio quindi Polylang se vuoi una risorsa gratuita che gode di costanti aggiornamenti e una supervisione attenta da parte degli sviluppatori.

Translate Press

Grazie al plugin gratuito per siti multilingua Translate Press potrai ottenere una comoda interfaccia front-end per tradurre una pagina tutta insieme, inclusi gli shortcode e i form. Puoi utilizzarlo anche se usi un page builder.

Ti permette anche di tradurre le immagini e le slider e qualsiasi altro tipo di file media.

Include diverse funzionalità premium aggiuntive, come la possibilità di aggiungere lingue illimitate e pubblicare la traduzione solo quando è terminata, un pacchetto per la SEO multilingua, l’individuazione automatica della lingua dell’utente e altre.

Puoi testare gratuitamente Translate Press grazie alla demo online per renderti conto di quanto possa essere utile per quelle che sono le tue esigenze.

Google Language Translator

Se non hai risorse per localizzare internamente il tuo sito o utilizzare un servizio di traduzione esterno, puoi ricorrere alla traduzione automatica dei contenuti. Uno dei servizi più famosi per farlo è Google Translate, che può essere integrato su WordPress utilizzando un plugin come Google Language Translator.

Ovviamente nessun servizio automatico può sostituire il lavoro di un traduttore umano (almeno per il momento), che non si limita a tradurre letteralmente, ma sceglie il tono e le espressioni più adeguate. Se, però, la qualità della traduzione non è la tua priorità e ti serve che i contenuti siano comprensibili in un’altra lingua, puoi ricorrere alla traduzione automatica del tuo sito.

Questo plugin è semplicissimo da usare e gratuito.

Weglot

L’ultimo plugin per creare un sito multilingua di cui ti parlo ti permette di raggiungere un compromesso tra traduzione automatica e manuale. Weglot, oltre ad essere semplice da usare, ti permette ti utilizzare la traduzione automatica come base e di migliorarla poi manualmente, editando il testo tramite l’editor.

Per poter utilizzare il plugin, devi creare un account, che ti da accesso alla chiave API da inserire nelle impostazioni del plugin su WordPress.

Weglot ti consente ti configurare l’interruttore per cambiare lingua e, una volta tradotta la pagina, aggiunge il suffisso della lingua all’URL. In questo modo la pagina potrà essere indicizzata individualmente da Google.

Se cerchi un plugin che ti aiuti a tradurre velocemente il tuo sito e che sia semplice da utilizzare, Weglot può essere un’opzione da considerare. L’unica pecca? Il prezzo, che confrontato a quello di WPML risulta essere abbastanza elevato.

Il piano gratuito copre solo piccoli siti, con massimo 2.000 parole, 1 lingua e 5.000 visualizzazioni mensili delle pagine tradotte. Il piano successivo, Starter, copre fino a 10.000 parole e costa €99 all’anno. Le opzioni successive, che prevedono più parole e lingue, arrivano fino a €4990/anno per 5 milioni di parole e linguaggi illimitati. Se consideri che WPML costa $175 per il piano illimitato con licenza permanente, ti rendi conto che si tratta di un’opzione costosa, a fronte di una semplicità d’uso maggiore.

Conclusione

In questo articolo ti ho descritto i migliori plugin per creare un sito multilingua su WordPress. Ognuno di essi presenta delle ottime caratteristiche di affidabilità e facilità di gestione, anche se quelli gratuiti, che non creano cartelle autonome sul database, richiedono una ri-ottimizzazione del database dopo essere stati disinstallati.

Per un piccolo sito, un blog o uno spazio web che abbia la necessità di tradurre solo pochi contenuti, puoi scegliere almeno una soluzione gratuita tra quelle presentate in questa lista.

Potrai, quindi, decidere in seguito se affidarti ad un plugin più completo e professionale, a pagamento, come WPML. In ogni caso, ritengo che WPML sia in assoluto lo strumento migliore.

Quale plugin utilizzi sul tuo sito multilingua WordPress?

Vuoi aggiungerne qualcun altro a questa lista?

Lasciaci il tuo parere nel box commenti qui sotto e condividi con noi la tua esperienza.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *