• Dom. Nov 29th, 2020

Windows 10, ecco l’aggiornamento di ottobre: ​​novità e download

Difcentorrino

Ott 26, 2020

Dalla sua uscita nel 2015, Windows 10 ha subito numerosi aggiornamenti per migliorarne l’aspetto, l’ergonomia e la funzionalità. Con un sistema ormai maturo, Microsoft ha deciso di cambiare la sua strategia di sviluppo: i team di sviluppo hanno capito che due importanti aggiornamenti all’anno erano un ritmo troppo difficile da sostenere a lungo termine. D’ora in poi, l’azienda sviluppa solo un aggiornamento importante all’anno, quindi un aggiornamento minore con correzioni e meno nuove funzionalità.

Quest’anno, Windows 10 2004 è stato il principale aggiornamento dell’anno prima di quello di ottobre 2020. Ecco le novità:

È con questo aggiornamento che Microsoft generalizza ufficialmente il nuovo menu di avvio.

Il suo aspetto è ora adattato al tema chiaro o scuro. Per questo motivo, il colore delle tessere e delle scorciatoie è scomparso, sostituito da uno sfondo solido e neutro. Ora sono le icone delle applicazioni che portano i colori a riconoscere e differenziare il software a colpo d’occhio.

La scorciatoia da tastiera Alt + Tab è una delle più famose in Windows. Ci consente di passare rapidamente da un’applicazione all’altra. Il problema di questo menu è che è meno utile man mano che il browser diventa più importante. Oggi, la riproduzione di musica, video o persino videogiochi può avvenire interamente nel browser Web e non in applicazioni dedicate.

Microsoft ha avuto una semplice idea per risolvere il problema: consentire a Microsoft Edge di visualizzare ciascuna delle sue schede nel menu Alt + Tab. Pertanto, possiamo facilmente passare da una scheda all’altra o da un’applicazione all’altra con una singola scorciatoia da tastiera. Tuttavia, questa potrebbe non essere una buona notizia se si è abituati ad avere dozzine di schede aperte contemporaneamente. Microsoft ha quindi aggiunto un’opzione nelle impostazioni di Windows 10 per attivare o meno questa funzione.

È con l’aggiornamento di ottobre che Microsoft sta integrando nelle impostazioni di Windows 10, una nuova opzione per regolare facilmente la frequenza di aggiornamento dello schermo. Una build recentemente riservata agli Insider ha incorporato questa novità. Fino ad ora, era necessario perdersi nelle impostazioni avanzate di Windows 10 e scoprire finestre sviluppate per versioni di Windows che hanno più di 10 anni.

Aggiornamento dopo aggiornamento, Microsoft sta modernizzando le impostazioni di Windows 10 per ridurre la necessità di accedere a questi tipi di finestre. L’aumento della popolarità degli schermi ad alta frequenza, specialmente sui telefoni cellulari, potrebbe aver spinto l’azienda a modificare questo parametro come priorità.

Nuova modalità tablet per 2 in 1

Una delle novità di Windows 10 è stata quella di integrare una modalità tablet oltre alla modalità desktop, permettendo di adattarsi meglio a macchine 2 in 1 come Surface Pro per passare o meno alla modalità tablet quando scolleghi la tastiera.

D’ora in poi, la modifica verrà eseguita automaticamente e senza notifica. Invece di passare alla modalità tablet, Windows 10 migliorerà l’esperienza della modalità desktop per renderla più adatta a tablet con icone più grandi, una barra delle applicazioni semplificata o un file explorer leggermente modificato.

Modifica per nuovi PC

L’aggiornamento di ottobre 2020 è anche una nuova versione di Windows 10 che verrà installata nativamente su alcune macchine. Microsoft ha esaminato come funziona il sistema al primo avvio.

Con questa versione, la barra delle applicazioni cambierà in base alle impostazioni durante la fase di inizializzazione. Ad esempio, se hai effettuato l’accesso al tuo account Xbox, l’app Xbox Game Pass verrà bloccata sulla barra delle applicazioni per impostazione predefinita.

Come scaricare l’aggiornamento

Il lancio dell’aggiornamento di ottobre sarà graduale nei prossimi mesi. Per accedervi, è necessario disporre almeno di Windows 10 1903 (la versione di inizio 2019) e che Windows non rilevi alcun punto che blocchi la compatibilità. In tal caso, la macchina avrà accesso all’aggiornamento in un secondo momento, quando Microsoft avrà corretto il possibile punto di blocco. Ad esempio, potrebbe essere un driver obsoleto o un bug noto con il software installato.

Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *